In una recitazione basata su storia, puoi presentare l’account in prima persona, in seconda persona o in terza persona di un evento. Dai vita alle storie mentre le ri-anima. Dovrai fare i compiti per capire il contesto del passaggio e le sfumature della prospettiva unica che stai presentando.

Prima persona

La prima persona ├Ę la prospettiva I/we. La “prima persona” si riferisce all’oratore stesso e utilizza il pronome subjet “I” (a meno che non sia plurale). Quando si recita in prima persona si sta dando il resoconto degli eventi come se fosse il vostro.

Questo ha implicazioni nel modo in cui reciti, perch├ę per presentare con precisione il testo, devi assumere le qualit├á della persona di cui stai raccontando l’account. Se recitare Neemia capitolo 6, allora ├Ę necessario diventare Neemia.

Con le recitazioni in prima persona, stai dando un resoconto di eventi esterni, ma hai anche accesso alla mente della persona nella storia. Per raccontare una storia dalla prima persona, assicurati di capire il loro carattere.

Seconda persona

La seconda persona si riferisce al destinatario. Usa il pronome soggetto “tu”. L’oratore si rivolge a “tu”. Nel recitare, la seconda persona ├Ę pi├╣ comune in un discorso di tipo insegnamento piuttosto che in una storia.

Terza persona

La terza persona si riferisce a un individuo terzo. Usa i pronomi del soggetto “lui”, “lei”, “lui”, “loro”. Questa ├Ę la prospettiva pi├╣ comune per raccontare una storia.

Trova la tua voce

Storie

Lode

Istruzione

Introduzione alla citazione

Storie

Usa la tua voce narrativa per portare Ruth, Salomone, Pietro, i Profeti e tante altre storie vive

religione, fede, croce

Lode

Date voce alla lode del vostro cuore con salmi ed esaltazioni. Dichiarate la gloria di Dio e la divinità di Cristo

Istruzione

la voce della saggezza, del consiglio e dell'ammonimento per plasmare la vita

fotocamera, pellicola, dimostrazione

Condividi il tuo video

Parlaci del tuo video

Inserisci i dettagli qui sotto